La Nuova linea del Piave

Il Piave mormorava proprio come un vecchio saggio

degli avvocati occorre il salvataggio;

Allor la capitale raggiugiam con la corriera

per far contro il ministro una barriera!

Mentre facciam la lista di tutti quanti i Santi,

questo governo vuole andare avanti;

la mediazione sembrava ormai lontana

e invece una stravecchia pantegana,

ce vò fà ‘e mane comme e piere

 E il Piave mormorò: “sta cessa e Cancelliere!”

 Ma in una notte triste tornava l’argomento

e tra le nostre schiere già c’era il tradimento.

Ahi, quanta gente sotto questo stesso tetto,

cerca la strada per il nostro retto.

Ci vuole profughi ovunque dai lontani monti,

e far finire tutti sotto ai ponti.

 Teniamo allora strette le nostre chiappe tonde

 così che Birrittero dentro non ci infonde

l’attrezzo grosso come l’uomo nero

Di nuovo il Piave mormora: “Ritorna Cancelliero!”

Ecco il nemico è già li che ci palpeggia

ma teniam duro e molliamo una scorreggia!

Credea che aprissimo il varco ancora

per ricrearsi e tripudiare come allora!

 Eh, No! Disse il Piave insieme a tutti quanti,

a cui lucea il fuoco dietro e avanti!

Mo v’arapimmo nuje a capa cu na mazza

pecchè c’avite proprio rutto ‘o c…. !

Così rosso di sangue il nemico altero,

Se ne fujette ‘nzieme a Birrittero

Indietreggiò la tofa fino a Trieste e Trento

mentre menava forte nu lamento

“Chiste me fanno male overo e chi l’ha detto”

“ca stevano ca capa dinto ‘o gabinetto!”

Overo te credive ca tutte l’avvocate

se tenevano ‘e carocchie comme ‘e scurnacchiate!

Ca mieze a nuje ‘nce stevano tutte femmenielle,

e vuije ce ‘nfilavano ‘o pizzo chiste quattro ‘mbrielle!

E tacque il Piave e il vento urlò foriero

“T’avimme segate ‘e corne, ministro Cancelliero!”

La Nuova linea del Piaveultima modifica: 2014-02-02T17:13:47+01:00da chrisfletch1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento