DALLA PRIMA LETTERA DI TOTO’ APOSTOLO AGLI AVVOCATESI

Caro Culleca nepote,
A Napule stocio facento la vita de lu cuglione.
La matina me ne veco ‘a lu tribbunale, ‘ndo me ce meneno li cupputielli addereto, cumincenno da li ciudici e a fernesce cu li cancilliere.
La sera me ne veco ‘a lu studie, ca è addivintato cchiù peggio de lu tabbareno, cu li cristiene nute, visto ca ‘ncianno livato pure li mutante.
Pirciò mandame li quatrine, pirchè nun tenco manco li sordi pe pacare li ruole, li marchette, pe la cassa de malvivenza (è ccà nu chitammuorto ‘nce l’hai a mettere pi forrza cumpà!) e pe li tasse pe mantinere chella chiorma de magnafranche e pappune de lu scunsiglio dill’ortine (ca si nun paco me ce scancelleno pure dall’albe!)
Te ‘nce metto pure li salute. Ponto.
P.S. Face ampresso che la sarda è sicca sicca!

DALLA PRIMA LETTERA DI TOTO’ APOSTOLO AGLI AVVOCATESIultima modifica: 2014-02-02T14:06:31+01:00da chrisfletch1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento